Il nostro Territorio

Il comprensorio di Sciacca esprime un equilibrio sottile tra mare, sole e terra, fattori che fanno del clima mediterraneo ricchezza di biodiversità, di colori vivaci e armoniosi, di profumi intensi e delicati, che si sintetizzano nell’olio extravergine di oliva del territorio. È un’area a vocazione olivicola, molte le cultivar autoctone; particolarmente diffuse sono le varietà Cerasuola, Biancolilla e Nocellara del Belice.

Le varietà coltivate dai soci Agrisana

Cerasuola (Purrittara, Ugghiarola, Palerminata)
Pianta assurgente con produttività elevata, resa superiore al 20%. Le foglie sono di dimensioni medie, ellittico-lanceolate e di colore verde chiaro. Drupa piccola con forma ellittica e leggermente asimmetrica. Si tratta sicuramente di una delle cultivar più diffuse in Sicilia, presente nelle province di Palermo, Trapani ed Agrigento ( limitatamente al territorio di Sciacca). Le olive di Cerasuola sono ottime per produrre un olio extravergine caratterizzato da una fragranza piuttosto spiccata con prevalenza di amaro e piccante, sentori di peperone verde, olive verdi.

 

Biancolilla (Carbucia, Janculidda)
Pianta con vigore contenuto e chioma espansa, con resa intorno al 20%. Le foglie sono di medie dimensioni, ellittico-lanceolate e di colore verde chiaro. Drupe medie dimensioni, forma ovoidale. Diffusa nella Sicilia occidentale nelle province Agrigento, Trapani e Palermo.O lio di buona qualità e conservabilità; fruttato medio, leggermente piccante e amaro con sentori di mandorla dolce.

 

Nocellara del Belice (Nuciddara, Tunna)
Pianta di modesto sviluppo con chioma piuttosto svasata, con resa dal 15 al 18%.Le foglie sono di medie dimensioni, ellittico-lanceolate e di colore verde lucente. Drupa con forma sferoidale, con base larga e arrotondata. È la cultivar prevalente nella Valle del Belice, presente e diffusa nelle provincie di Agrigento e Trapani. L’olio ottenuto presenta un fruttato intenso, piccante e amaro abbastanza equilibrato, speziato con sentori di mandorla, pomodoro e cardo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *