Qualità

Qualità

“Miglioramento della qualità della produzione di olio di oliva e di olive da tavola” la cooperativa ha previsto  un programma di attività molto articolato costituito da 4 azioni e precisamente:

Azione 4A: Miglioramento delle condizioni di coltivazione, di raccolta, di consegna e di magazzinaggio delle olive prima della trasformazione, in conformità delle specifiche tecniche stabilite dall’autorità nazionale competente;
In questa  azione progettuale  sono presi in considerazione gli aspetti relativi alla coltivazione dell’olivo, in particolare sono affrontate le tematiche inerenti la lotta contro i principali patogeni dell’olivo, ad eccezione dell’assistenza tecnica alla lotta contro la mosca delle olive, i sistemi di concimazione e le tecniche di raccolta, conservazione e trasporto delle olive.

Nello specifico l’assistenza è mirata a:

  • aumentare le capacità professionale degli operatori olivicoli;
  • razionalizzare le operazioni colturali proponendo reali risparmi sia in termini economici che di tempo, con particolare riferimento a quelle di potatura;
  • ridurre le immissioni nell’ambiente di prodotti chimici di sintesi, pericolosi sia per l’agrobiocenosi dell’oliveto che per la salute umana;
  • razionalizzare le tecniche di concimazione al fine di ridurre gli accumuli di nitrati nelle falde acquifere;
  • spingere i produttori all’adozione di disciplinari di produzione per l’olio extravergine di oliva IGP e DOP;
  • introdurre e diffondere corrette pratiche di raccolta, trasporto e stoccaggio delle olive al fine di migliorarne la qualità dell’olio prodotto;
  • favorire l’introduzione di mezzi tecnici innovati in olivicoltura.
  • realizzazione di uno sportello informativo presso la sede dell’Organizzazione

Misura 4B: Il miglioramento varietale degli oliveti in singole aziende, a condizione che gli tali interventi contribuiscano al conseguimento degli obiettivi del programma di attività.
La misura prevede la realizzazione di una prova dimostrativa consistente nell’impianto di nuovi oliveti a scopo dimostrativo, con varietà italiane ed una densità di impianto tra i 300 e le 600 piante ettaro.

Azione 4C: Miglioramento delle condizioni di magazzinaggio e di valorizzazione dei residui della produzione dell’olio d’oliva e delle olive da tavola;

Attraverso la realizzazione della misura si è cercato di  valorizzare i residui della potatura attraverso un opportuno reintegro degli stessi nel terreno, trasformando un prodotto potenzialmente inquinante in una importante fonte di sostanza organica per il terreno.
La normativa sulla condizionalità impedisce la bruciatura dei residui che quindi devono essere necessariamente allontanati dal terreno e trattati come scarti. Tali residui invece se opportunamente trattati possono diventare una risorsa per l’olivicoltore in quanto rappresentano un’importante fonte di sostanza organica che, se opportunamente integrata con la fertilizzazione, aumenta i livelli di sostanza organica nei terreni, creando un ambiente favorevole allo sviluppo dell’apparato radicale dell’olivo.
Per l’attuazione delle misura ci si avvale di una trattrice agricola con un trinciasarmenti, per poter effettuare le operazioni sminuzzamento e interramento dei residui di potatura.

Azione 4D: Assistenza tecnica all’industria di trasformazione oleicola per quanto riguarda aspetti inerenti alla qualità dei prodotti;
Il servizio di assistenza tecnica è rivolto ai frantoi al fine di consentire l’adozione di modelli organizzativi e di tecniche di trasformazioni che assicurano l’ottenimento diproduzioni con elevati standard qualitativi.
Diverse le attività realizzate dai tecnici al fine di perseguire gli obiettivi programmati:

  • assistenza tecnica durante le fasi di molitura per la risoluzione di problematiche specifiche che pregiudicano la qualità dell’olio;
  • pianificazione dei conferimenti per assicurare la trasformazione del prodotto entro le 24 ore dalla raccolta;
  • analisi chimico.fisiche ed organolettiche degli oli al fine di favorire la gestione dello stoccaggio degli oli sfusi;

Azione 4F: Formazione di panel di assaggiatori per la valutazione organolettica dell’olio d’oliva vergine e delle olive da tavola;
La misura è finalizzata alla formazione di tecnici esperti per l’assaggio degli oli vergini ed  extravergini di oliva  e conseguente rilascio dell’attestato di idoneità fisiologica, subordinato al superamento delle prove selettive previste.
Lo scopo è quello di promuovere e diffondere la conoscenza delle peculiarità chimiche, organolettiche, salutistiche, alimentari dell’olio d’oliva.
Nel corso dell’annualità 2018/19 è stato realizzato un corso, redatto secondo quanto previsto dal Decreto 18 giugno 2014 del MiPAAF e dall’all. XII del Regolamento CEE n. 2568/91 e s.m.i. ed autorizzato dalla Regione Sicilia, a cui hanno partecipato 24 operatori del settore, di cui 23 hanno conseguito l’attestato di idoneità fisiologica.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *